Il risparmio energetico in casa può essere un’attività divertente e anche sociale, considerando che famiglie, vicini e abitanti dello stesso quartiere condividono la stessa energia elettrica.

Il 12 marzo si è svolto il primo workshop di Game Design con l’obiettivo di incoraggiare il brainstorming di gioco e la definizione degli elementi di gioco di Social Power. Il workshop ha seguito gli step fondamentali di game design attingendo anche dalle conoscenze di user experience e social network (Tracy Fullerton, 2008; Radoff, 2011). Dopo una prima introduzione al sistema dei consumi di energia a livello domestico e la definizione generale degli obiettivi, uno sguardo sui dati misurabili legati ai consumi degli utenti è stato necessario. In seguito alcuni casi studio hanno introdotto i tavoli di lavoro sulle meccaniche di gioco e gli elementi di gamification che definiscono il contesto del consumo energetico in casa.

Capire le buone e le cattive pratiche di risparmio energetico è risultata una fase importante per definire i pattern di comportamento da diffondere a livello social. Durante l’ultima parte di discussione i gruppi hanno presentato il loro concept con grande partecipazione da parte di tutti.

Ringraziamo tutti i partecipanti: Mr. Bryan Mundell (Adventerra Games); Emilia Ciardi & Pasquale Granato (SparklingLabs); Andrea Gallazzi e Luca Menghini (GiochinTavola); Vanessa De Luca, Roberta Castri, Francesca Cellina, Nikolett Kovacs, Giovanni Profeta, Massimo Botta SUPSI (University of Applied Sciences and Arts of Southern Switzerland); Alessandro Barazzetti & Rosangela Mastronardi (QBT) e and Devon Wemyss, Christian Hertach ZHAW.

Leave a Reply